Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LA CAMPAGNA DI MASSA

Lombardia, almeno una dose per il 74% dei vaccinabili

L'assessore Moratti: "Nostra la migliore performance". E rinnova l'appello a over 60, adolescenti e personale scolastico

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

21 Luglio 2021 - 14:37

Lombardia, almeno una dose per il 74% dei vaccinabili

MILANO - "La Lombardia ha superato il traguardo dei 7 milioni di aderenti alle vaccinazioni. Per la precisione questa mattina il dato si attesta a 7.001.294 adesioni, con il 74% della popolazione 'vaccinabile' che ha ricevuto la prima dose". Lo ha spiegato la vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti. "Va sempre ricordato, infatti - ha aggiunto l'assessore al Welfare - che i lombardi che hanno meno di 12 anni sono circa 1 milione e secondo le disposizioni di Ema e Aifa non sono 'vaccinabili'. Aggiungo relativamente a questo dato che siamo la regione italiana con la migliore performance".

ACCOLTI GLI APPELLI

"Fa piacere constatare - ha precisato la vicepresidente - che l'appello rivolto nei giorni scorsi a incrementare le somministrazioni è stato accolto favorevolmente e che i riscontri sono positivi. I 'richiami' in Lombardia, da inizio settimana, stanno sortendo infatti un effetto positivo: lunedì e martedì le adesioni hanno superato complessivamente quota 47.000". Per questo da domani, giovedì 22 luglio, i centri vaccinali lombardi aumenteranno di 50.000 posti le disponibilità complessive per prenotare la prima dose, che verranno effettuate a partire dal 29 luglio, per tutte le fasce di età.

TURISTI, OLTRE 1000 RICHIESTE DI VACCINO

Letizia Moratti ha quindi evidenziato come anche "la proposta rivolta ai turisti di altre regioni a ricevere la seconda dose in Lombardia stia producendo effetti positivi, a oggi sono 1.054 le domande giunte ai nostri uffici. Un contributo tangibile all'accoglienza dei turisti che avrà benefici effetti sia sulla campagna vaccinale del Paese che sull'economia lombarda". Poi ha concluso: "Il mio pensiero va sempre agli over 60, la categoria più a rischio. Ma anche agli adolescenti e giovani, alle loro famiglie e a tutto il personale scolastico, che dopo l'estate faranno ritorno alla scuola in presenza. L'appello è sempre lo stesso: vaccinatevi!".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400