Cerca

CORONAVIRUS. LE VACCINAZIONI

Immunizzati e positivi: anziani tutti contagiati dalla variante inglese

Il focolaio a Cremona Solidale: le analisi in laboratorio, la risposta dello screening

Bibiana Sudati

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

04 Aprile 2021

Immunizzati e positivi: anziani tutti contagiati dalla variante inglese

L'ingresso di Cremona Solidale

CREMONA (4 aprile 2021) - Ad innescare il cluster all’interno di Cremona Solidale, scoppiato due settimane fa tra ospiti e operatori già vaccinati con Pfizer, è stata la mutazione più contagiosa del virus, la variante inglese, responsabile anche dell’impennata di casi nella terza ondata in tutta Europa. Ad attestarlo senza alcun dubbio sono state le analisi di laboratorio realizzate dall’istituto Sacco di Milano: gli scienziati hanno sequenziato il virus, ovvero sezionato il suo dna all’interno del siero degli oltre 20 ospiti contagiati rilevando il ceppo d’oltre Manica. Il focolaio, rispetto a quando è stato scoperto all’inizio, si è piano piano allargato, evidenziando altre positività non solo tra gli ospiti della Palazzina Azzolini ma anche tra gli operatori sanitari. Per mappare la situazione e circoscrivere il focolaio, la direzione ha disposto uno screening a tappeto di tutta la struttura che si è concluso l’altro ieri.

«In generale, tutte le persone contagiate stanno bene – spiega il direttore generale Emilio Tanzi –. Il personale è asintomatico, gli anziani invece hanno segnalato febbre e qualche altro sintomo. In quattro sono stati ricoverati all’Ospedale Maggiore, ma la metà è già rientrata. Restano due ricoverati: si tratta di persone molto anziane e con altre patologie che le rendono particolarmente fragili e per i quali è ancora necessaria un’assistenza ospedaliera. In buona sostanza, la situazione appare sotto controllo, sebbene l’attenzione resti elevata: se da un lato è vero che si tratta di persone vaccinate in tempi e modalità regolari, dall’altro è evidente che la vaccinazione ha giocato un ruolo decisivo per evitare forme gravi o peggio il decesso».

Assolutamente non sorpreso dall’esito delle analisi è il team di esperti che Cremona Solidale ha ingaggiato per intervenire e monitorare la situazione: tra loro, oltre al primario di Malattie infettive Angelo Pan, alla direttrice di direttrice del Reparto Dipartimento di Medicina di Laboratorio e Radiologia, Sophie Testa, c’è anche la virologa Claudia Balotta. Che spiega: «Dopo le analisi sulle persone coinvolte inizialmente dal cluster, faremo altrettanto su quelle che sono via via emerse in un secondo momento. Per questa attività credo ci appoggeremo all’Istituto di Zooprofilassi. Non mi aspetto un esito diverso: siamo di fronte agli effetti della variante inglese. Ma grazie alla vaccinazione sono stati limitati drasticamente i danni. Alcuni casi saranno studiati approfonditamente: in particolare sarà analizzato l’aspetto della diversa risposta anticorpale per capire perché in alcuni è stata bassa rispetto ad altri».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400