il network

Venerdì 15 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


Pomponesco

Il paese abbraccia don Marco Anselmi

Il sindaco Pino Baruffaldi: "Mi dicono che è un vulcano di idee. Diamoci del tu per entrare subito in sintonia"

POMPONESCO — Paese in festa sabato per l’ingresso del nuovo parroco don Marco Anselmi, che subentra a don Angelo Valentino Ferrari. Ad accoglierlo, insieme al vescovo Dante Lafranconi, al vicario zonale monsignor Floriano Danini e ad altri sacerdoti (tra cui don Alberto Franzini, di cui don Anselmi è stato vicario a Casalmaggiore), all’esterno della chiesa parrocchiale intitolata a Santa Felicita e ai sette fratelli martiri il sindaco Pino Baruffaldi, affiancato dal vicesindaco di Viadana Dario Anzola e dal vicesindaco di Persico Dosimo Fabrizio Superti (don Marco è originario di Dosimo). 

Alle 17 il primo cittadino ha ringraziato «monsignor Dante che ha sempre un occhio di riguardo per Pomponesco e monsignor Floriano che qui è nato» e ha dato il «benvenuto» a don Marco, certo che «non resterà con le mani in mano». Perché di cose da fare non ne mancano. «Mi hanno detto che lei è uno ‘tsunami’ di idee, in paese troverà persone che la seguiranno passo dopo passo. La nostra comunità è come una famiglia». Quindi l’invito alla collaborazione, l’invito a visitare insieme le scuole e una richiesta: «Possiamo darci del tu per poter entrare subito in sintonia». Poi il ‘Te Deum’ eseguito dal Corpo Filarmonico ‘Giuseppe Verdi’ di Dosolo e l’inizio della messa, con la lettura del decreto di nomina, l’aspersione e il bacio dell’altare e il saluto della comunità: «Ti offriamo buona volontà, disponibilità e collaborazione». 

Il vescovo, nell’omelia, ha rammentato che «il parroco è al servizio di tutti» e che «forse il suo primo compito è amare la gente di cui è pastore». Anche se, talvolta, «deve scuotere le coscienze di chi si è addormentato». Al termine della funzione, cui hanno presenziato molti fedeli (parecchi quelli che hanno seguito la liturgia dalla piazza grazie agli altoparlanti esterni), il saluto di don Marco, accolto calorosamente dai presenti.

22 Settembre 2013