Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Paolo Gualandris

Paolo Gualandris

pgualandris@laprovinciacr.it

Bergamasco classe 1958, caporedattore del quotidiano La Provincia di Cremona e Crema. Ha iniziato la sua “vita da giornalista” poco più che ventenne al quotidiano Bergamo Oggi, interrompendo per questo motivo gli studi all’Università Statale di Milano, dove era iscritto a Giurisprudenza dopo aver ottenuto la maturità scientifica al liceo Lussana di Bergamo. Per anni ha lavorato nel gruppo Class Editori collaborando prima con il mensile Class e il settimanale Milano Finanza e poi come redattore e capo servizio del mensile Campus, il giornale dell’Università e della Ricerca. Per la Provincia di Cremona e Crema cura, tra l’altro, la pagina dei libri, con recensioni e interviste a scrittori. Fondatore e anima del Caffè Letterario di Crema, Associazione culturale che da oltre vent’anni organizza incontri mensili con autori italiani e stranieri.

Articoli trovati: 65

Chiara Montani, l'affresco del delitto svelato
Fabrizio Arrigoni: «La mia terapia anti ansia da Covid? Scrivere un giallo»
La Dottoressa Schiaffazzi e i segreti dello «Schiaffasutra»
Crema, i risultati dei candidati: è ballottaggio Bergamaschi-Borghetti
San Pantaleone, la festa ritrovata
Intervista al dottor Maurizio Borghetti: «Allegria, solidarietà e cura delle periferie»
Davide Rigiani, con l'eolao la fantasia va al potere
Crisi climatica: «Fondo anti catastrofi per aiutare le imprese»
Paolo Malaguti: «La felicità? In vetta alla Grapa»
Meloni a Crema: «Se il centrosinistra mi dice brava, mi preoccupo»
Andrea Vitali, «Che sciagura i figli e i  pettegoli»
Una vita rovinata «per una fetta di mela secca»
Anna Zanibelli presenta "Sotto il Segno del Drago"
Enrico Letta a Crema: «In Lombardia stavolta corriamo per vincere»
«Fame blu»: due donne, un amore estremo
3 Minuti 1 Libro: Roberto Livi presenta «Solo una Canzone»
«Vivi nascosto»: ammutinati in cerca della verità
Maurizio Codogno presenta "Chiamatemi Pi Greco"
«Qualcosa nella nebbia» in viaggio verso la libertà
«La compagna Natalia», negli anni'60 noi crescevamo così