il network

Domenica 23 Febbraio 2020

Altre notizie da questa sezione


VOLLEY, SERIE A1 FEMMINILE

E'Più Pomì apatica, Bergamo si impone 3-1

Segnali preoccupanti da Casalmaggiore alla quarta sconfitta (18-25, 28-26, 25-23, 25-21) in cinque gare nel 2020

La E'Più Pomì Casalmaggiore piega Perugia in quattro set

BERGAMO (9 febbraio 2020) - Se non è vera e propria crisi poco ci manca perché la E'Più Pomì Casalmaggiore perde la quarta partita su cinque giocate nel 2020, esce per la prima volta senza punti dal PalaAgnelli ma soprattutto lancia segnali preoccupanti in un match nel quale le rosa più volte hanno dato l'impressione di avere in mano l'inerzia prima di farsela scivolare via di mano senza opporre resistenza. Un match apatico per larghi tratti quello delle ragazze di Gaspari che hanno difettato del mordente necessario nei momenti nevralgici per far propria una contesa cruciale per restare attaccate al treno di alta classifica. Ora assumono un peso specifico ancora maggiore gli incontri casalinghi con Filottrano e Brescia; non fare i sei punti sarebbe peccato capitale.

STARTING SIX
Zanetti Bergamo: Mirkovic, Loda, Melandri, Smarzek, Mitchem, Olivotto, Sirressi (L).
E'Più Pomì Casalmaggiore: Antonijevic, C. Bosetti, Popovic, Cuttino, Carcaces, Stufi, Spirito (L).

1 set - avvio equilibrato al PalaAgnelli con Bergamo a tenere avanti il cambio palla sino a quota 8 prima del break ospite. Gli errori delle padrone di casa e l'efficacia in contrattacco delle ragazze di Gaspari valgono il 4-1 che sul 9-12 obbliga Fenoglio al time out. L'ennesimo muro subito toglie dal match Smarzek, Van Ryk in campo per lei, e ingrassa il vantaggio di Casalmaggiore sino al 13-18. Bergamo prova a difendere il difendibile ma non mette in difficoltà le rosa ed il passaggio in panchina per il secondo time out locale sul 16-22 ospite anticipa di poco l'1-0 E'Più Pomì sul 18-25.

2 set - Avvio di secondo set che ricalca in parte quanto visto nel primo con Bergamo che ci mette gli errori, all'inizio, per spingere avanti Casalmaggiore e le ospiti che non sfruttano l'inerzia finendo subito a rincorrere. Il break lo firma Cuttino al servizio con l'ace che certifica l'ennesima sostituzione per Smarzek prima e Mitchem poi in virtù di Van Ryk e Samara. Le rosa volano sull'8-11 ma Loda è mostruosa per l'11-11 che costringe Gaspari al time out. Bosetti e compagne spingono sulla P1 orobica approfittando degli errori di Van Ryk e della buona vena di Cuttino per il 14-17 del time out Fenoglio. Potrebbe essere lo strappo buono ed invece Bergamo non esce dal set, le rosa non passano più in attacco e la doppia di terzo tocco di Cuttino vale il 20-19 della seconda sospensione ospite. Olivotto mura la ricostruzione di Bosetti sul 23-23 e dopo tre set point annullati Loda trova la diagonale del 28-26.

3 set - Fenoglio è costretto al time out sul 2-5 ma Bergamo, come già accaduto nei due set precedenti, ricuce subito (6-6) prima che sia ancora il muro di Casalmaggiore a spingere le ospiti al nuovo break sul 7-10. Mirkovic non esce più dalle mani del muro e sull'ennesimo subito Fenoglio spedisce in campo Prandi per la serba sull'8-13. Potrebbe essere un parziale tranquillo ma sono troppi i momenti di calo e Casalmaggiore si trova in un amen sul 15-17 che induce Gaspari a fermare i giochi. La situazione è ormai compromessa però perchè le ospiti non riescono più a trovare fluidità in attacco, complici anche le difese di una strepitosa Sirressi, e sull'attacco di Samara il tocco a muro vale il sorpasso sul 21-22 ed il conseguente time out Gaspari. Le rosa arrivano al 23-23 ma su un pallonetto scontato Cuttino sfila davanti a Spirito pronta all'appoggio per il 24-23 e sull'azione successiva l'attacco di Smarzek trova il 25-23 che vale il 2-1.

4 set - Fenoglio conferma Prandi in sestetto per Mirkovic ma è Casalmaggiore ad essere apatica così com'è stato nei finali di secondo e terzo set. Il punteggio resta in equilibrio ma le ragazze di Gaspari sembrano aspettare una scossa che può arrivare solo dagli errori altrui. C'è di bello che Bergamo non si sottrae e tra battute e attacchi out ecco che senza particolari meriti le rosa mettono la freccia sull'11-13. E' un vantaggio non costruito, oseremmo dire immeritato, tanto è vero che Bergamo si riprende, evita gli errori e con Van Ryk scrive il 7-1 che esaurisce le sospensioni ospiti e vale il 14-18. Scuka rileva Cuttino e di fatto cala il sipario perchè Casalmaggiore è totalmente fuori dal match, l'arbitro la affossa ulteriormente sul 22-17 non ravvisando i due tocchi di Loda ma non regala niente a Bergamo che dopo un timido rientro di Casalmaggiore (23-21) chiude sul 25-21 dell'ace di Loda. 

09 Febbraio 2020