il network

Martedì 15 Ottobre 2019

Altre notizie da questa sezione


22 settembre 1950

Iniziata all'alba la battaglia per Seul

Iniziata all'alba la battaglia per Seul

I "marines,, convergono da due punti verso il centro della città la cui difesa è nelle mani dei reparti "suicidi,, essendo fuggiti i generali nordisti - I sudisti all'offensiva generale sul fronte di Pohang, hanno conquistato Uihung e Kusandong - La 24^ divisione americana progredisce stilla strada di Kumchon mentre due colonne della 25^ stanno per occupare Chinju

DAL FRONTE di SEUL 22 MATTINA. (L). - La grande battaglia per Seul è incominciata all'alba. Di ora in ora la situazione si fa sempre più drammatica per il popolo della capitale lasciato in balia del fuoco e della legge marziale. Questa mattina si è infatti definitivamente accertato che i capi comunisti ed i generali militari nordisti sono fuggiti verso il nord non appena i marines americani hanno attaccato le difese della città e l'armata sud coreana ha scatenata l'offensiva generale nel settore nord della testa di Pusan.

Si apprende inoltre che in città dopo la fuga dei capi, sono rimasti solo gli ufficiali subalterni, ai quali è affidato il comando dei reparti «suicidi» schierati a difesa. Tutte le truppe sono impegnate a scavare trincee.

I marines dopo aver inviato pattuglie nei sobborghi settentrionali della città, hanno sferrato l'attacco al centro stesso della capitale da nord ovest e da sud ovest. Questa mattina nel pieno della lotta che si va scatenando sempre più con l'arrivo di nuovi rinforzi, non era possibile indicare l'esatta posizione dei due cunei di attacco.

Sulla parte settentrionale del fronte della testa di ponte di Pusan si registra oggi l'offensiva generale sudista: l'VIII divisione sud coreana ha progredito di 10 km. occupando e sorpassando il villaggio di Kusandong 30 chilometri a nord di Yongchon; ad ovest di questo settore elementi della 1^ divisione sudista hanno occupato Uihung oltrepassandola di qualche chilometro: nel settore di Kigye inoltre, altre forze sud coreane hanno avanzato di due chilometri malgrado l'accanita resistenza nemica.

Nel settore centrale del Naktony, la II divisione americana, nella testa di ponte ad ovest di Changnyong, ha attaccato in direzione sud est occupando una altura ed estendendo la testa di ponte fino a farle raggiungere una profondità di cinque chilometri. Più a nord, nello stesso settore, altri elementi americani sono passati all'attacco in direzione di Chogye giungendo a meno di due chilometri da tale località. Reparti della stessa divisione sono riusciti ad attraversare il Naktong 15 km. ad ovest di Yongsan. malgrado il nutrito fuoco delle artiglierie e delle armi automatiche del nemico. In seguito però questi elementi, rimasti bloccati sulla riva occidentale del fiume, sono stati costretti a ritirarsi.

La XXIV divisione americana quella che all'inizio della guerra dovette ritirarsi da Suwon a Taejon dopo aver occupato Waegwan progredisce sulla strada di Kumchon, consolidando ed allargando la sua testa di ponte davanti a Songiu da cui dista soltanto un chilometro. La strada da Waegwan a Kumchon prosegue per Taegon fino a Seul dove è tenuta fino alle porte della città dalla VII divisione americana; tra la XXIV divisione e la VII divisione resta una distanza di 250 chilometri. Infine nel settore meridionale della testa di ponte le truppe delle XXV divisione dopo aver incontrato forte resistenza da parte del nemico è riuscita stamane a sfondare le linee avversarie. Due colonne infatti stanno marciando in direzione dell'importantissimo centro dì Chinju. Un portavoce della XXV divisione ha dichiarato che «Chinju sarà raggiunta prima di sera».

21 Settembre 2019