il network

Martedì 10 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione


11 agosto 1962

La casa nuziale di Antonio Stradivari a Cremona

La casa nuziale di Antonio Stradivari a Cremona

L'Amministrazione comunale ha deciso di porre sulla facciata della casa nuziale di Antonio Stradivari una lapide-memoria a ricordo - il nostro invito è stato sollecitamente raccolto e dobbiamo essere frati agli amministratori municipali che, con sensibilità e sollecitudine, hanno provveduto a «rimediare» alla proposta, già da tempo suggerita dallo scopritore della «casa», di trasformarla in monumento nazionale.

Le parole che saranno impresse sulla lapide sono:
IN QUESTA CASA ABITÒ DAL 1667 AL 1680 IL LIUTAIO ANTONIO STRADIVARI CON LA PRIMA MOGLIE FRANCESCA FERRABOSCHI

La lapide sarà eseguita dallo scultore Pietro Ferrane e sarà in marmo di Mazzano color bruno e avrà le dimensioni di centimetri 85 di base per 60 di altezza. Sarà collocata tra le due finestre del primo piano, ove attualmente c'è un balcone (che originariamente non esisteva)

I cremonesi e soprattutto i turisti d'ora in poi avranno un'altra meta stradivariana. In corso Garibaldi ai numeri 55/57 troveranno la casa nella quale il grande liutaio iniziò la sua fulgida carriera. Questa casa è quasi identica all'originaria sua struttura. Le camere dei due piani, la scala che conduce alla cantina, lo stretto corridoio che porta al cortiletto, il portico che divide i due corpi di fabbrica e la rampa di vecchie scale che porta ai «secadour», cioè all'altana sulla quale, si dice, Antonio Stradivari facesse asciugare le vernice dei suoi celebri strumenti.

Tutto è rimasto come allora. Le modifiche riguardano, probabilmente, l'intonaco. Questa casa è quasi identica a quella che Antonio Stradivari acquistò dopo il 1680 sotto la parrocchia San Matteo (ora soppressa) dai fratelli Picenardi. Anche la casa di S. Matteo aveva la bottega con ingresso dalla strada, il cortile con pozzo (un frammento del quale si trova custodito al Museo), le stanze al primo piano, le stanze al secondo e il «secadour».

La lapide che verrà posta in corso Garibaldi dice «con la prima moglie Francesca Ferraboschi». Come è risaputo, Antonio Stradivari si sposò due volte. Francesca Ferraboschi morì il 26 maggio 1698 e l'anno successivo Antonio andò nuovamente a nozze portando all'altare Antonia Maria Zambelli nella parrocchia di S. Donato.

Dalle due mogli ebbe dieci figli, due dei quali, Francesco e Omobono, furono liutai, ma non riuscirono ad uguagliare la bravura e la fama del padre.

08 Agosto 2019