il network

Sabato 20 Luglio 2019

Altre notizie da questa sezione


10 luglio 1997

Tyson radiato a vita dal ring

Fatale il morso a Holyfield

Tyson radiato a vita dal ring

La Nevada Athletic Commission ha punito l'ex campione mondiale dei pesi massimi con una sospensione a tempo indeterminato e 5 miliardi di multa

WASHINGTON — Tyson il cannibale paga duramente i morsi alle orecchie di Evander Holyfield: la sua controversa carriera subisce un altro 'stop' ed è in serio pericolo. La 'Nevada Athletic Commission', al termine di un mini-processo di circa un'ora, ha emesso infatti una severa sentenza per le intemperanze di Iron Mike nel match mondiale del 28 giugno: revoca della licenza a combattere - in pratica un bando a tempo indeterminato dal ring - e multa di 3 milioni di dollari, il 10% della borsa.

La Commissione pugilistica ha accolto in pieno le richieste dell'accusa: «Nella boxe - aveva sottolineato il vice procuratore generale Gordon Fihk - c'è un confine molto labile fra pugilato e caos: per questo è necessario un pieno rispetto delle regole». Tyson non era presente in aula: ha lasciato ai suoi avvocati il compito di invocare la clemenza della Corte.

Fra un anno, Tyson potrà fare domanda per una nuova licenza: spetterà ai giudici sportivi valutare se esistono le condizioni per una sua riammissione. Nel caso la sua richiesta sia respinta, Iron Mike potrà riprovarci a cadenza annuale. La sentenza si applica anche negli altri stati d'America. Se vorrà combattere, Tyson dovrà dunque andare all'estero: non gli sarà però facile lasciare il Paese,- perchè fino al marzo 1999 è soggetto ad un regime di libertà condizionata.

Nella udienza, i difensori di Tyson hanno fatto il possibile per limitare i danni, appellandosi all'equilibrio della Commissione: «Il nostro cliente - ha detto l'avvocato Goodman - ha già parlato al mondo e si è scusato con tutti coloro che sono stati danneggiati dalle sue azioni. In in 13 anni sul ring, Tyson si è sempre comportato in modo esemplare, da gentleman, e con grande dignità». I commissari non si sono fatti commuovere.

A 31 anni compiuti - ed a poco più di anno da ritorno sul ring dopo il carcere - per Tyson comincia un altro periodo di isolamento. L'avvocato Goodman si è dichiarato certo che tra un anno, quando chiederà una nuova licenza, Tyson la otterrà: «Quando le cose si saranno raffreddate e il mondo penserà ad altro, state sicuri che vedrete di nuovo Mike sul ring tra un anno», ha affermato il legale. «No comment» di Evander Holyfield ai giornalisti che gli domandavano un parere.

08 Luglio 2019