il network

Sabato 08 Agosto 2020

Altre notizie da questa sezione


CREMONA. ANTICIPAZIONI

Museo diocesano, don Gaiardi svela il progetto

«Sedici stanze, tre sezioni. Il percorso non sarà in ordine cronologico, perché si racconta una storia di fede. I temi saranno: l’iconografia mariana, il mistero della Croce e i santi intercessori»

Museo diocesano, don Gaiardi svela il progetto

La Tavola di Sant'Agata

CREMONA (15 gennaio 2020) - Oltre tremila metri quadrati, tre percorsi tematici che si snoderanno per sedici stanze: sono i dati essenziali del nascente Museo diocesano. Una palizzata nasconde da tempo il cantiere e quello che sarà il portone d’ingresso, in piazza Zaccaria, non lontano dal portone d’ingresso del palazzo vescovile. Qualcosa — una scala a spirale, una parete tinteggiata di bianco - si intuisce entrando in Curia, sbirciando da un passaggio che porta agli uffici. Perché tra una polemica e l’altra, i lavori vanno avanti. Rallentati più dalle lungaggini burocratiche e dalle esigenze normative che dalle levate di scudi di comunità di fedeli e consigli pastorali - più raramente parroci -, timorosi di vedersi sottrarre opere preziose, di cui non è sempre facile demarcare in modo netto il confine tra arte e devozione. Ne parla don Gianluca Gaiardi, responsabile dell’Ufficio per i Beni culturali ecclesiastici. «Si prega Dio, non una tavola: il vescovo Napolioni avrebbe il dovere di correggere l’idolatria». E poi: «La proprietà delle opere resta delle parrocchie e ci sarà una rotazione per mantenere vivo il museo. Il percorso non sarà in ordine cronologico, perché si racconta una storia di fede. I temi saranno: l’iconografia mariana, il mistero della Croce e i santi intercessori». 

L'intervista completa su La Provincia di oggi

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

15 Gennaio 2020