il network

Venerdì 13 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione


CONTAMINAZIONI COME PUNTO DI FORZA

Watchout Festival, dall'hardcore alla psichedelia

A Viadana nove band in due giorni, il meglio della scena alternativa

Watchout Festival, dall'hardcore alla psichedelia

Gli Svetlanas

Fabio Guerreschi

Fabio Guerreschi

Biografia

Fabio Guerreschi è laureto in sociologia all’Università di Trento ed è un giornalista del quotidiano ‘La Provincia’ di Cremona. E’ appassionato di metal, rock, blues e… dintorni, di fantascienza e di letteratura americana. Mail: fabio.guerreschi26@gmail.com Facebook: https://www.facebook.com/profile.php?id=100008920786679 Instagram: https://instagram.com/fabioguerreschi/

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

VIADANA (25 settembre 2019) – Torna il Watchout Festival, giunto alla sua quattordicesima edizione, a La Rotonda Giardini di Viadana il 27 e 28 settembre 2019. La prima novità di questa edizione è nella direzione artistica: al fianco di La Bassa Records si aggiunge Be Molle Concerti. Come sempre, il WoF si articola su due giornate: la prima dedicata alle tendenze più estreme, turbolenti e hardcore, la seconda alla nuova scena alternativa, elettronica e psichedelica. Ospiti delle due giornata saranno Lowliferadio (il 27 settembre) e il collettivo Beat&Style (il 28 settembre) che cureranno i dj set prima e dopo i live.

Un festival aperto a tutti, in cui la contaminazione tra i generi è il vero punto di forza, fuori dalle categorizzazioni e dagli stereotipi.
Gli headliner del primo giorno sono gli Svetlanas - band italo-russa - con gruppi che meglio rappresentano la nuova scena, e più estrema, del nord Italia: Malloy, Piumolesto, Gres e Bobson Dugnutt.
Il secondo giorno sarà guidato dai Ponzio Pilates, formazione romagnola, freschi della loro ultima apparizione al Glastonbury Festival. Prima di loro, tre nuove promesse della scena indipendente: Adriano, Iside e Koomari.

Venerdì 27 settembre 2019

Giornata di musiche turbolente con i Malloy, local heroes dalla bassa reggiana. Ritornano a grande richiesta dopo la loro esibizione di due anni fa con un cambio di formazione, ma sempre legati alla storia dell'HC degli anni '80 e '90. Poi i Piumolesto, nati tra Pomponesco e Squarzanella, nella bassa mantovana, produttori di rumori violenti e sezioni ritmiche tirate. I Gres invece nascono nell’inverno del 2017 e le loro sonorità si rifanno al Grunge Gaze e la Dream Core. I Bobson Dugnutt, divisi tra Berlino e Reggio Emilia, ma uniti dall’autostrada del Brennero, propongono un mix di punk, stoner, metal e rock’n’roll sludge. Infine gli Svetlanas, punto di riferimento tra le band italiane thrashcore con sede a Milano, trottole impazzite che calpestano con i loro anfibi i palchi di tutti i maggiori festival di settore mondiali. Vantano tra le loro file il leggendario Nick Olivieri, storico bassista di Queens of the Stone Age e Kyuss. Capitanati da Olga, vera dinamo impazzita sul palco e fiera erede delle grandi leader femminili delle scene anni '90 hardcore. Al termine delle esibizioni live il Dj set di Lowlife Radio.

Sabato 28 settembre 2019

Giornata di musiche stimolanti. Si parte con i Koomari, band aperta di base a Casalmaggiore, formata al momento da sei elementi. In continua mutazione, propongono brani inediti basati su ripetizioni psichedeliche e testi sognanti. A seguire gli Iside, una delle nuove promesse della scena bergamasca, mischiano l’elettronica a liriche importanti, moderni nelle sonorità e ricercati nel gusto. Poi Adriano, il progetto elettropop del cantautore e illustratore catanese Adriano Di Mauro. Nato nel 2017 come progetto DIY di musica prevalentemente strumentale, nel 2018 la ricerca compositiva di Adriano si evolve con l’inserimento di testi e cantato, nei quali mescola la canzone d'autore italiana, Lucio Battisti, la psichedelia, Carole King, il lo-fi pop francese. Infine gli headliner Ponzio Pilates, con il loro gusto di retro-futurismo fantascientifico e psichedelico. Sembra che stiano continuamente improvvisando ed è impossibile non farsi trascinare nei loro viaggi, fatti da una buona dose di ritmi latino-tribali. Un po' come prendere i Pink Floyd e mischiarli con Fela Kuti. Nel 2019 hanno portato i loro trip musicali al Glastonbury Festival. Al termine delle esibizioni live il Dj set di Beat&Style.

Buon divertimento!

25 Settembre 2019